17 febbraio – Mueggen, pioggia e lente attenzioni

image

Ci si rende conto dell’energia dei luoghi da come si aprono i risvegli dopo che la notte ci scorre attraverso.
Dal modo che abbiamo di affrontare i pensieri e portarli con noi nei gesti e nelle parole. Ed è così che la vita dell’isola penetra nella mia quotidianità accanto alle curiosità alle domande ai sentimenti.

C’è un passato fatto di pietra e di forme scavate nelle natura vulcanica. Una forza che sale su dalla profondità e si fa sentire come un’onda che va e poi viene.

image

Mueggen è il paese delle cisterne.
Furono i fenici i primi a costruirle e proprio qui accanto alla cantina di Salvatore dove le uve di
Zibibbo si seccano al sole e dove matura il liquido che diverrà passito.

Su di una pietra a pochi passi dalla cantina sono posate alcune fiscole, cerchi intrecciati attraverso cui passa il succo delle uve durante la pressatura.

image

Qui in alto la montagna è visibile e fa sentire una temperatura più fresca già di qualche grado. Le rocce sono più scure e ai licheni si sostituisce l’anima del vulcano.

image

Le viti di Pietrabianca se ne stanno lì ad attendere la mano dell’uomo abbandonate nell’accogliente abbraccio di madre terra tra mare muretti a secco conigli e ratti.

image

Sì aprono spazi di meraviglia lungo sentieri costruiti da uomini che avevano le mie stesse mani, il mio stesso sudore.

image

image

Un giardino arabo che conteneva una pianta di limone sta attendendo la vita di nuove radici e nell’attesa riposa in compagnia del verde e dell’arancio.

image

Osservo Salvatore che con estrema attenzione e metodo prepara gli strumenti per il travaso del vino.
È una cura fatta di delicato tempo precisione e visione delle cose.
Gli anni lo hanno reso un maestro nella previsione degli eventi e nella volontà di indirizzarli verso un fine.

image

Dominica è sorridente e assiste il marito laddove è necessario. Lo incoraggia e sdrammatizza eventuali incidenti di percorso mentre lui rimane in una seria concentrazione durante tutta la fase del lavoro.

image

La sua postura inginocchiata mi fa ricordare altri uomini e altre donne. Una posizione di umiltà e di pazienza assunta di fronte alla natura per farla divenire cultura ossia vino ossia materia di felice condivisione…lieto incontro…nutrimento dell’anima.

image

Poi il lavoro finisce. Si è fatto tutto quello che si doveva fare. La serietà e la concentrazione lasciano il tempo al sorriso e alla leggerezza. Si scende in casa per l’unico vero pasto della giornata. Una minestra di ceci pasta e verdure va a riscaldare il corpo umido e freddo che ha passato buona parte di un martedì tra secchi fusti di acciaio e profumi di mediterraneo a Mueggen.

Perché Dio non ha creato un fiume di minestra? Sarebbe stato meglio. L’uomo si sarebbe anche potuto accontentare. E non avrebbe lavorato…

image

Annunci

One thought on “17 febbraio – Mueggen, pioggia e lente attenzioni”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...