23 febbraio – L’Acino

In direzione San Marco Argentano, provincia di Cosenza.
Si apre un contesto fatto di passato agricolo…una corte con tanto di chiesetta di proprietà del Barone di Campagna dei primi del Novecento ora possedimento regionale in via di abbandono…pochi lavoratori, prodotti veloci e facili a vendersi…poi un vigneto dove sono stati piantati dalla MIPAAF vitigni diversi per lo studio del comportamento della vite nel territorio…dovrebbe essere un punto di riferimento…ma resta il dovrebbe…infine un’azienda, la Vegetalia, di proprietà giapponese, che produce ortaggi e verdure e le esporta in Giappone…

image

Poco prima di arrivare nei vigneti di Magliocco, Antonello si ferma davanti ad una casa che sta crollando.
Una vecchia casa, esempio di edilizia biosostenibile, fatta di creta e di paglia lasciata a se stessa come tante altre nei dintorni.

image

Antonello mi parla della sua passione per il linguaggio cinematografico per come riesce ad esprimersi un’immagine in movimento. Dopo l’università avrebbe voluto continuare in quella direzione e per qualche tempo anche lo ha fatto…poi l’interesse per il vino, le curiosità, gli assaggi, l’idea di lavorare la campagna attraverso ad un’azienda che non fosse un’azienda familiare ma una realtà fatta di amici che ne avrebbero condiviso lo spirito.

image

Oggi capisco anche il perché del nome di uno dei loro vini. Toccomagliocco, Magliocco in purezza vinificato con le uve provenienti dai vigneti posti in località Tocco nella Valle di Pietra.
Già, Valle di Pietra, anche questo torna, è un vino che mostra una natura spigolosa a tratti montana.

image

Resto a fissare la terra. Il suo rosso che sale in superficie. Il pendio che scende a valle. Il gioco di forme e di traiettorie che convive tra natura e mano. I solchi tracciati dal tempo e sovrastati dalla leggerezza del ferro.

image

Camminiamo e lasciamo che le nostre impronte scendano in basso a imprimersi in un suolo argilloso.

image

Ma sotto l’argilla il terreno si fa pietra roccia…una continua e diversa stratificazione.

image

Non cesso di meravigliarmi della bellezza delle cose, di come il gesto fintanto violento di lanciare un sasso si trasformi nell’armonia di cerchi che si espandono nell’acqua mentre quel sasso rallenta la sua corsa fino a posarsi placido sul fondo di un lago.

Forse la natura andrebbe soltanto assecondata, le sue forme di vita e di espressione sono già in se perfette.

Le vene delle foglie, una sezione di una carota, la simmetria di un fiore…

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...